TRATTO DA “Inside and Outside – Libro Secondo – Dentro le Tipologie"

Come sai, se hai letto i precedenti articoli, da bambini tutti assegniamo inconsciamente un ruolo ai genitori. Nei primi mesi di vita riconosciamo nel padre o nella madre colui o colei che non ha rispettato questo ruolo. Nell'infanzia della donna EGO FEMMINA viene istintivamente riconosciuta nella figura paterna il genitore conflittuale. Nella figura materna, invece, l'EGO FEMMINA vede il genitore "buono".

Non ha però conservato intatto l’aspetto “genitoriale”. Nel periodo dell’adolescenza sono intervenuti altri fattori a modificare la sua struttura psicologica. In particolare, prima dei 10-12 anni, ha sofferto perché delusa dal genitore materno.

Pubblicato in Comunicazione Emotiva

TRATTO DA “Inside and Outside – Libro Secondo – Dentro le Tipologie"

Nota: se hai letto “Inside and Outside – Libro Primo - Comunicare dentro e fuori” potresti notare delle apparenti incongruenze, questo perché in questo secondo volume si analizzano le tipologie più in profondità e secondo i vari aspetti emotivi dell’individuo. Sicuramente incontrerai dei termini nuovi che per il momento ti potrebbero sembrare incomprensibili. Seguendo gli articoli che pubblicherò di seguito e magari leggendone altri pubblicati in precedenza sarai sempre più illuminato.

Pubblicato in Comunicazione Emotiva
Lunedì, 15 Gennaio 2018 18:36

Fidati di Me

 (Tratto da "Inside and Outside - Carisma e Persuasione)

Ogni conversazione si svolge effettivamente su due canali: quello verbale (il contenuto), e quello non verbale (gesti e movimenti del corpo, il tono della voce, prossemica), in pratica l’espressione della nostra emotività.

Se i due canali sono allineati, puoi essere persuasivo un autentico comunicatore e quindi carismatico. Se non sono allineati il tuo interlocutore crederà inconsciamente alla comunicazione non verbale. In pratica quello che dici non è coerente con i tuoi gesti, espressioni, tono e di conseguenza non sembri autentico. La persona con cui conversi crederà che stai fingendo, nascondendo qualcosa, o non completamente presente.

Pubblicato in Comunicazione Emotiva

Uno script ipnotico di fantasia di un ipnotista misterioso, che non rivela la sua identità (chissà chi sarà?).

Ha inventato un appuntamento molto sensuale ed erotico e portando la tua o il tuo partner in questo appuntamento immaginario e ipnotico risparmierai anche qualche soldo. Magnifico! Le pause e gli apparenti errori sono voluti e necessari, leggilo esattamente così.

Fai un’induzione al tuo partner (quella che hai imparato al seminario) e poi passa a questo script. Ovviamente dovrai impararlo e farlo tuo, raccontarlo nel modo più naturale possibile, calibrando il tono della voce in modo da enfatizzare la stimolazione della sua parte emotiva.

Pubblicato in Seduzione Ipnotica
Lunedì, 27 Novembre 2017 15:54

I pilastri della seduzione

Nel linguaggio comune per seduzione si intende il processo con cui una persona ne induce un’altra a intraprendere una relazione di natura sentimentale o sessuale. Questo concetto è espandibile praticamente a qualsiasi settore della vita, nel sociale, nel lavoro, nel tempo libero.

La seduzione è come una lama sottile mai evidenziata ma costantemente presente in ogni relazione umana; essa permette l’attivazione del coinvolgimento emotivo nei confronti di cose, persone, idee.

Pubblicato in Comunicazione Emotiva

Articolo scritto in collaborazione di Alice Gonnelli e Sara Giovannacci

Chiunque abbia interesse a migliorare la propria comunicazione, a considerare le idee e i risultati delle ricerche sul come e perché le persone comunicano, quale effetto questo comporta e in che modo contribuisce a costruire rapporti personali e a mantenere le realtà sociali deve interessarsi e approfondire lo studio sulla comunicazione emotiva.

Pubblicato in Comunicazione Emotiva
Martedì, 09 Maggio 2017 18:07

Se fosse il tuo ultimo giorno sulla terra?

Se oggi fosse il tuo ultimo giorno sulla terra che faresti, te lo sei mai chiesto? Io so molto bene che cosa farei! Da un po’ di tempo ci penso tutti i giorni, ma questo articolo non è su quello che farei io…

Pubblicato in Comunicazione Emotiva
Mercoledì, 30 Novembre 2016 16:39

Io bambino, inconscio, istinto… o geometria?

Sin dalla nascita, le figure significative sono indubbiamente i genitori che a prescindere dal loro comportamento occuperanno per tutta la vita dell’individuo un posto di rilievo per l’inconscio.
L’origine della conflittualità con uno o l’altro genitore si forma sin dai primi giorni di vita (oserei dire anche prima...) nel grembo materno. Ovviamente questa conflittualità è nella percezione dei genitori da parte del bambino. Quello che voglio intendere è che è sempre la percezione del bambino a decidere il genitore conflittuale.

Pubblicato in Comunicazione Emotiva
Venerdì, 07 Ottobre 2016 13:45

Guidare o essere guidati

Ogni volta che interagiamo con qualcuno ci sono momenti in cui siamo noi a guidare la conversazione e momenti in cui è l’altro a guidarci.

Quando lo scambio è paritario, il tempo che trascorriamo guidando la conversazione è praticamente uguale a quello in cui è l’altro a guidare.

Pubblicato in Comunicazione Emotiva
Domenica, 02 Ottobre 2016 18:20

L’educazione nella conversazione

Ok, nei precedenti articoli ti ho parlato dei princìpi della comunicazione, dell’approccio o presentazione e infine dell’empatia, e ora? Ovviamente devi fare conversazione.
Sicuramente dopo essere riuscito a creare empatia devi conversare, avere un dialogo, insomma parlare di qualcosa.
Cosa dire? Dipende sempre e comunque da cosa vuoi ottenere, quindi quale è il tuo obiettivo? Sedurre, vendere, socializzare, oppure semplicemente non vuoi stare da solo e quindi fare solo due chiacchere? Qualsiasi sia il tuo obiettivo, la conversazione deve tenere viva l’empatia almeno per un po’ e creare un qualche tipo di attrazione, altrimenti lui o lei ti saluta dicendoti che è stato un piacere e tanti saluti al tuo obiettivo.

Pubblicato in Comunicazione Emotiva