Banner seminari

Domenica, 07 Gennaio 2018 23:19

Il Fiore Della Passione In evidenza

Scritto da

Questa storiella si adatta ad entrambi i sessi, prova ad impararla, raccontala con il giusto tono e atmosfera, poi... ti prego, raccontami come è andata. È solo un assaggio di quello che potrai apprendere ai nostri seminari.

Questo articolo lo lascio accessibile a tutti come regalo di inizio anno. Buona lettura e… goditi la storiella.

donna castelloC’era una volta una giovane donna che era stata cresciuta in un castello. Le erano stati concessi tutti i privilegi della vita di palazzo perché era l’unica figlia di un re. Mentre cresceva nel suo mondo ben ordinato, dei tutori la istruivano e le davano istruzioni sull’etichetta, sulla lingua, sulle scienze e l’arte. E per tutta la sua vita aveva vissuto in questo meraviglioso mondo di ordine e opulenza.

La sua stanza aveva un balcone che dava sui giardini reali, dove i giardinieri, gli erboristi, gli alchimisti e gli stregoni accudivano e crescevano ogni pianta, fiore ed erba. Nel giardino tutto aveva il suo posto e il suo ordine. Tutto era stabilito fino al minimo dettaglio nei modi in cui i botanici reali dicevano che dovesse essere fatto. E tutti le dicevano dei poteri e delle qualità di ogni pianta e ogni lezione finiva con un avvertimento, mentre si avvicinavano all’angolo del giardino. Dicevano: “Non avvicinatevi troppo al fiore della passione”.

Perché là sul bordo del giardino gigantesco c’era un unico, bellissimo fiore circondato da tutti gli altri fiori profumati. Aveva colori ricchi, lo stelo era lungo e senza spine, e si muoveva appena quando veniva sfiorato dal vento… il fiore della passione viveva senza cambiare a prescindere dalla stagione, a prescindere dal tempo. E il suo odore si mescolava a quello delle rose e delle orchidee che riempiono l’aria con gioia intossicante. Le sue giornate erano piene di lezioni e le sue notti, con molta grazia, le trascorreva incontrando altri membri della corte. E nelle sue sere, prima di scivolare nel sonno, si intratteneva nel balcone illuminato dalle stelle e dalla luna e guardava il giardino perfettamente curato.

Faceva respiri profondi e lasciava che l’odore del giardino curato l’avvolgesse prima di addormentarsi. Chiudeva gli occhi pensando ai piacevoli privilegi e alle molte responsabilità e si domandava… così piano a sé stessa, se esistesse qualcosa di più oltre questa vita comoda. Poi, una notte, dopo una giornata piena di studio, era sul balcone prima di andare a letto e sentiva il profumo ricco del giardino. Provando il calore del profumo, aprì gli occhi, che si fermarono su quell’angolo speciale del giardino dove cresceva il fiore della passione. Il vento le sfiorava i capelli e il fiore della passione danzava aggraziato alla brezza, con i suoi colori che sembravano brillare come fiamme al chiaro di luna.

Entrò nel giardino e, contro tutti gli avvertimenti, si avvicinò al fiore della passione. In mezzo alle rose riccamente profumate capì che non aveva mai odorato la sua vera fragranza. E mentre si chinava verso i petali spessi, fece un respiro. Il profumo la toccò come la carezza calda dell’ala di un angelo che si avvicinava a lei scaldandole la pelle e facendola arrossire. Ogni parte di lei si sentì abbracciata. Come se galleggiasse, la ragazza tornò nel suo letto, chiuse gli occhi e scivolò molto delicatamente in una nuvola di sonno. Il profumo del fiore della passione si sentiva ancora nell’aria mentre lei sognava e nei suoi sogni sentiva una debole voce che la chiamava. Diceva: “Vieni. Vieni da me… vieni. Vieni da me”. 

E lo ripeteva nel sogno più e più volte: “Vieni. Vieni da me”. Si svegliò con la voce ancora nella mente e sentendo ancora il profumo bellissimo del fiore della passione. Uscendo sul balcone le parve che il fiore della passione avesse ora colori più vivaci di come erano al chiaro di luna e di come ricordava. I suoi colori adesso quasi brillavano e la brezza faceva oscillare il fiore come se la chiamasse. passione

Sentendo ancora il calore della fragranza delicata del fiore, entrò di nuovo nel giardino senza dubbio o esitazione. Avvicinandosi al fiore, le parve di nuovo che questo si piegasse verso di lei. Chiudendo gli occhi per sentire il profumo, i suoi petali toccarono le labbra dolci e umide e in quel momento il calore la riempì dalle labbra, al viso, al collo e in profondità iniziò a brillare e la dolcezza dei petali la chiamò: “Assaggiami”, sentì che una voce le diceva.

E staccando un petalo e mettendoselo sulla lingua, in quel momento i secondi sembrarono passare come ore, e vide il fiore brillare del suo colore preferito e danzare e sorridere per il fatto che una persona si fosse lasciata andare così completamente. E il fiore iniziò a muoversi. Dietro di esso, i cespugli e le piante elegantemente curati si tirarono da parte e rivelarono un’apertura, un’apertura oltre le mura del palazzo. Una lacrima le spuntò agli occhi e capì per la prima volta che non aveva mai visto niente al di là delle mura del palazzo. Non era mai andata oltre a ciò che le era presentato così perfettamente.

E senza paura o esitazione uscì dal giardino ed entrò nella natura selvaggia, rigogliosa e abbondante, piena di migliaia di meraviglie e passioni che aspettavano solo di essere vissute. Ella crebbe per diventare una principessa e poi una regina, e assolse completamente i suoi doveri di corte. Durante questo periodo era sempre sostenuta dal fatto che sapeva che dentro di lei… all’interno dei suoi pensieri, tra i suoi pensieri poteva sentire ancora questa voce del fiore della passione. E nelle sere tranquille andava sul balcone, attraversava il giardino e passava oltre a ciò che le era stato dato, amando quel mondo rigoglioso che era suo da vivere.

NE VUOI SAPERE DI PIU' SULL'ARGOMENTO?

Inserisci la tua mail qui sotto e ti invieremo in omaggio un estratto del libro "Inside and Outside - Libro Primo"

formato pdf sfondo

 
 
 
 

Accedi con il tuo nome utente e scarica gratuitamente la prima parte del libro (102 pagine) "Inside and Outside - Libro Primo" Comunicare dentro e Fuori.

se non sei registrato clicca quì e crea il tuo account, è GRATIS!

Compra quì la versione digitale: Inside and Outside - Libro Primo (formato ePub e Pdf)

Compra quì la versione digitale: Inside and Outside - Libro Primo (Amazon formato Kindle)

Compra qui la versione cartacea: Inside and Outside - Libro Primo (Amazon, copertina flessibile)


 LA COMUNICAZIONE ANALOGICA, IPNOSI DINAMICA, FILOSOFIA ANALOGICA E FISIOANALOGIA SONO UN'ESCLUSIVA DELL'ISTITUTO DI PSICOLOGIA ANALOGICA E DI IPNOSI DINAMICA CID CNV, FONDATO DA STEFANO BENEMEGLIO NEL 1978. (www.istitutopsicologiaanalogica.it)

LE POCHISSIME NOZIONI DI PROGRAMMAZIONE NEUROLINGUISTICA (PNL) SONO UN'INIZIATIVA DEL RELATORE, LA COMUNICAZIONE ANALOGICA E' UNO STRUMENTO POTENTISSIMO CHE GIA DA SOLO DA RISULTATI ECCELLENTI.


 

Letto 343 volte

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

BannerBot