Domenica, 15 Gennaio 2017 17:49

Qual'è il tuo problema?

Scritto da

Sui problemi piccoli e grandi della vita sono stati scritti libri e persino girati film e rappresentazioni teatrali. È quindi riduttivo basarsi solo su ciò che scriverò in questo breve articolo; cercherò di essere essenziale, di fornire il quadro e di dare spunti di riflessione

Una vita senza problemi apparentemente potrebbe sembrare migliore, in realtà sarebbe una vita piatta. I problemi devono sussistere e le aspettative anche, come l’esigenza di vincere, altrimenti l’uomo non sa di cosa godere.

Il problema nasce quando il problema diventa troppo grosso, ossia quando quel qualcosa che ci ha sollecitato il desiderio non può essere posseduta, oppure quando quel qualcosa la possediamo e non la desideriamo ed è qui che nasce il problema.

Giovedì, 15 Dicembre 2016 16:48

Tu cosa stai rifiutando? In evidenza

Scritto da

L’altra sera sono uscito a cena con una mia cara amica. Benché abbia apprezzato l’ottima compagnia e il ristorante, al mio rientro a casa mi sentivo un po' scarico.

Poi riflettendo sulla serata, mi sono reso conto che abbiamo passato la maggior parte della serata a parlare del mio nuovo percorso lavorativo, per lo più era lei a pormi domande sulla comunicazione analogica e la psicologia analogica in generale e nonostante il suo apparente interesse alla materia, la mia amica si era rivelata brillante nello smontare qualsiasi libro, concetto, metodo o approccio comunicazionale di cui io avessi letto, studiato o sentito parlare.

Giovedì, 08 Dicembre 2016 17:00

Il simbolismo comunicazionale In evidenza

Scritto da

Nel precedente articolo ti ho parlato delle tipologie psicologiche dell’individuo. Queste tipologie si identificano con dei simboli archetipici: “asta, cerchio e triangolo”. Questi nomi non sono casuali, infatti l’individuo secondo la tipologia di appartenenza ha un atteggiamento che rispecchia appunto questi simboli.

Questo simbolismo è il linguaggio emotivo decodificato dalla Psicologia Analogica e rappresenta le chiavi di accesso ai sistemi mentali che governano l’individuo.

Mercoledì, 30 Novembre 2016 16:39

Io bambino, inconscio, istinto… o geometria? In evidenza

Scritto da

Sin dalla nascita, le figure significative sono indubbiamente i genitori che a prescindere dal loro comportamento occuperanno per tutta la vita dell’individuo un posto di rilievo per l’inconscio.
L’origine della conflittualità con uno o l’altro genitore si forma sin dai primi giorni di vita (oserei dire anche prima...) nel grembo materno. Ovviamente questa conflittualità è nella percezione dei genitori da parte del bambino. Quello che voglio intendere è che è sempre la percezione del bambino a decidere il genitore conflittuale.

Mercoledì, 23 Novembre 2016 11:28

Gesti e atteggiamenti che parlano da soli

Scritto da

Se tu dicessi la verità assoluta a tutti, che cosa succederebbe? Se ti rivolgessi alle persone con le esatte parole che ti passano per la mente, quali conseguenze ci sarebbero? Prova ad immaginare le seguenti situazioni:
     Al tuo capo: “Buongiorno signor Testa di m…… !!”
     Al tuo vicino o vicina: “Grazie per avermi aiutato a portare su la spesa. Hai un bel sedere ma da chi diavolo vai a farti i capelli?”
     A tua suocera: “Che gioia rivederti, vecchia rompiscatole impicciona!!”

Una donna che si annoda i capelli su un dito, giocherella con l’anello o con la collana, una persona che si gratta la nuca, un sopracciglio, che si accarezza il collo, si aggiusta un polsino, o che apre o chiude la giacca e numerosi altri comportamenti simili, sono tutti segnali che produciamo di continuo, centinaia di volte al giorno. Tutto ciò lo facciamo quasi interamente senza rendercene conto e senza l’intenzione di tramettere alcunché.

Solitamente nelle nostre interazioni quotidiane ignoriamo e giudichiamo questi segnali senza alcun senso, purtroppo però questo non significa che questi segnali non vengano colti e che non producano effetti. Questo processo avviene per lo più, al di fuori della nostra consapevolezza.

Perché questo succede?

Sono molte le attività di tutti i giorni che ci portano a comunicare o a conoscere altre persone.  Al bar, in vacanza o in qualsiasi altro luogo che ti viene in mente, per lavoro o per piacere c’è sempre la necessità di comunicare.

Ma, nel momento in cui comunichiamo per proporre il nostro business o proporre noi stessi per amore o per amicizia, quanto del nostro atteggiamento e quante delle nostre parole sono in grado di persuadere il nostro interlocutore? E quanto di tutto questo riesce a tenerlo incollato alla tua conversazione mantenendo alta la sua attenzione spingendolo a compiere azioni che portano benefici alla tua attività di business o seduttiva?

Un altro modo efficace e interessante di produrre una stimolazione ed una risposta inconscia è quello di usare una storia o una metafora, meglio ancora se sono delle metafore incluse in una storia personale.

Secondo la tipologia dell’interlocutore si crea l’introduzione e il concetto da inserire.

Lunedì, 24 Ottobre 2016 13:08

Stimolare l’inconscio In evidenza

Scritto da

Sigmund Freud è stato il primo studioso ad avere l’intuizione che l’inconscio è la parte irrazionale della psiche e teorizzò che la psiche umana è divisa in tre parti:

  • l’Es, che è scaturita dall’ambiente sociale in cui si nasce o da un’eredità genetica;
  • l’Io, che è regolato dal rapporto che si ha con la realtà;
  • il Super Io, la parte più nobile della nostra psiche che si plasma in base alla coscienza, ai modelli e agli ideali di una persona.
Lunedì, 17 Ottobre 2016 20:49

I cancellatori (ma, però, tuttavia…) In evidenza

Scritto da

Una delle fondamentali capacità di un buon comunicatore sicuramente è quella di stabilire e mantenere empatia con l’interlocutore; fondamentalmente alla base di questa empatia ci deve essere la sincera comprensione della persona con cui comunichiamo.
L’idea è che se diamo comprensione all’inizio di una frase, dobbiamo mantenerla anche nel resto della frase stessa (senza cancellarla), anche se vogliamo esprimere un nostro punto di vista personale.
Questo non significa dar ragione, ovviamente se non siamo d’accordo, non lo siamo e basta. Ad ogni modo mantenere una certa comprensione verso l’altra persona, permette di mantenere una certa empatia.

Pagina 5 di 6

BannerBot