Seconda parte. Tratto da: Effetti e difetti di un narcisista

L’uomo, non è mai stato in grado di distinguere una condotta irrazionale derivante da una scarsità di dati da una irrazionale derivante da un’altra fonte, ben più perversa. Semmai il diavolo è esistito è stato lui a progettare la mente reattiva, l’inconscio.

Un tempo questa, riusciva a sottrarsi talmente bene all’osservazione che soltanto grazie alla filosofia induttiva (processo di stimolazione digitale e verbale per poter interagire con l’inconscio), risalendo dall’effetto alla causa si è riuscito a scoprirlo. Il lavoro di indagine compiuto da Stefano Benemeglio e il suo staff, per localizzare questo “criminale” della psiche umana, ha richiesto molti anni. Oggi qualunque analogista ne potrebbe confermare l’identità.

L’inconscio potremmo definirlo come l’insieme di quegli aspetti della mente che non sono accessibili alla coscienza. Infatti, mentre la mente razionale registra dati come: immagini, suoni, azioni, ecc., (escludendo le emozioni) esso memorizza le emozioni scaturite dal concetto archiviato come descritto nel precedente paragrafo.

Con un metodo simile a quello razionale ma allo stesso tempo diverso, poiché sebbene compia lo stesso procedimento di registrazioni visive, cinestetiche, uditive… in questa sfera vi è annessa anche la parte emozionale che viene legata ad ogni bank. Dove la mente razionale richiama i concetti sotto forma di pensieri, l’inconscio lo fa sotto forma di emozioni.

Ricordi l’esempio dell’automobile descritto nel paragrafo precedente? Ecco, l’insieme di quanto descritto in quel contesto, forma un concetto che viene archiviato nei bank standard della memoria, l’emozione scaturita dal quel concetto, viene invece registrata nella mente reattiva, cioè l’inconscio, quindi un giorno, quando sentiremo, per esempio, un rumore simile a quello dell’automobile citata, proveremo la stessa emozione, ma ovviamente in un contesto diverso.

Se in quella occasione, in base ai dati archiviati nei bank standard, quella specifica emozione è stata registrata nell’insieme come “piacevole o positiva”, allora nel momento in cui sentiremo il rumore dell’automobile l’analizzatore richiamerà i dati archiviati, li confronterà con l’emozione e la definirà piacevole, anche se il contesto non sarà come l’originale, per esempio: il rumore proviene da un’automobile non proprio bellissima. 

Le emozioni sono quelle che nel quotidiano ci spingono nelle decisioni che dobbiamo prendere, persino scegliere cosa mangiare a colazione. Penso tu sia d’accordo quando si dice che comprendere le nostre emozioni e capirle, ci semplifica molto la vita. Capire quale emozione ci spinge a fare una scelta piuttosto che un’altra ci dà un quadro più chiaro prima di noi stessi e poi delle persone con cui abbiamo a che fare. 

Quanto scritto sopra dovrebbe aver dato un’idea di come funziona l’archiviazione dei concetti che viviamo quotidianamente sin dal giorno della nostra nascita.

A questo punto dovrebbe esserti chiaro che ogni concetto vissuto provoca un’emozione che viene registrata dall’inconscio e razionalizzata dalla mente razionale. In pratica diamo una spiegazione ad ogni emozione che proviamo. Allora, se questo sistema è perfetto perché ci sono persone che fanno del male ad altre persone? E perché ci sono persone che letteralmente si offrono come vittime ai carnefici? 

Prima di continuare mi sento in dovere di chiarire il concetto di aberrazione, termine che ho incontrato spesso durante le mie ricerche e studi sul comportamento umano. Approfitto in questa occasione di approfondire anche il concetto di penalizzazione, altro termine che si incontra spesso. Vieni dietro bene, se non ti fosse chiaro rileggi di nuovo e prenditi il tuo tempo, ciò che sto per illustrarti è molto importante, potrà aiutarti a capire il narcisista -oggetto di questo e-book- e le loro vittime.

Per aberrazione, come da definizione letterale si intende deviazione dalla norma, smarrimento, stravaganza o anomalia, in questo caso è riferito al concetto mentale a cui si fa riferimento. 

Per penalizzazione si intende “innalzare il livello di tensione”, in questo caso intendiamo “alimentare l’emozione inconscia”.

Andando avanti con la lettura dei prossimi articoli vi sarà tutto molto più chiaro.

Continua con il prossimo articolo…


  • Ti piacerebbe Approfondire la conoscenza degli elementi chiave della comunicazione, a partire dalla conoscenza di sé per favorire l’incontro efficace e positivo con gli altri?
  • Conoscere e interpretare il linguaggio corporeo come fonte primaria di comunicazione?
  • Affinare la capacità di ascolto per capire meglio gli altri?
  • Gestire al meglio le relazioni interpersonali nelle diverse situazioni aziendali?

Ovviamente la tua risposta è sì! Quindi tieni gli occhi aperti e seguici su Facebook cliccando quì: “Pietro Sangiorgio e Valentina Alba“, su Instagram cliccando quì: InsideOutsideOfficial

Stiamo preparando per te un evento speciale “FIRST COMUNICATION ACADEMY ’19” due giorni alla fine di luglio per apprendere “La Conversazione Ipnotica di Relazione“. Tra qualche giorno avrai i dettagli completi.

Hai tu il potere di cambiare la tua vita, fallo!

Per approfondire riguardo a “La comunicazione Emotiva” e “La Conversazione Ipnotica di Relazione” scegli uno dei nostri libri: